DOMANDE

NEWS
Non sono d'accordo su una lite promossa dal condominio in cui abito. Posso sottrarmi dal pagare la mia quota di spese giudiziali ?

NEWS
Al piano terra di uno stabile esistono delle ringhiere che separano una proprietà dall'altra.Queste Ringhiere ,nel caso necessitino di tinteggiatura, sono da considerarsi private o condominiali?

NEWS
Quante deleghe possono essere affidate ad un solo condominio, dal momento che il regolamento di condominio non tratta tale argomento?

NEWS
Vorrei sapere quali sono le competenze dei consiglieri di condominio. La loro nomina è obbligatoria ?

NEWS
Come vanno ripartite le spese per i lavori di rifacimento dell'androne del condominio: in parti uguali o sulla base della tabella millesimale relativa alle scale ?

NEWS
Abito in un vecchio stabile privo di ascensore; ora una parte dei condomini sarebbe dell'idea di installarlo, ma non tutti sono d'accordo. Quale maggioranza è necessaria per deliberare l'istallazione ?

NEWS
Vorrei chiudere a veranda un balcone del mio appartamento: è necessario il consenso unanime dell'assemblea condominiale ?

NEWS
Sono amministratore di un condominio. In vista di alcuni lavori da effettuare sulle parti comuni, vorrei sapere: che cosa succede in caso di mancata trasmissione del modello unico e delle altre abilitazioni amministrative per l'esecuzione dei lavori ?

NEWS
I versamenti delle quote condominiali possono essere effettuati su conto corrente intestato all'amministratore?

NEWS
Con quali mezzi l'amministratore di condominio può imporre il rispetto del regolamento condominiale ?

NEWS
In uno stabile in centro, una casa d'epoca, di cinque piani, senza ascensore al quarto e al quinto piano vivono sole due signore anziane, di oltre ottant'anni. La casa non è interessata a mettere l'ascensore. Le due anziane signore, invece, lo vorrebbero. Esiste una legge che possa obbligare il resto degli inquilini ( 10 in tutto, di cui soltanto 4 d'accordo) ad accettare l'imposizione dell'ascensore, come dovere sociale ?

NEWS
La copia del verbale dell'assemblea di condominio, inviata ai condomini dall'amministratore, deve essere la trascrizione esatta ed integrale del manoscritto redatto sul momento e controfirmato da uno dei condomini, o può essere riassunto ?. Nel secondo caso, devono essere almeno elencati tutti gli elementi discussi, le delibere ed il numero dei voti favorevoli e contrari ?. Entro quanti giorni dall'avvenuta dell'assemblea il verbale deve essere inviato ai condomini, facente fede il timbro postale?

NEWS
Nello stabile in cui abito esiste un giardino di proprietà esclusiva di un solo condomino. Chi deve pagare per le spese di manutenzione degli alberi situati nel suddetto giardino?

NEWS
Posso chiedere se nello stabile in cui abito ci sono dei condomini che non pagano e a quanto ammonta l'eventuale debito ?

Abito in un condominio composto da 5 appartamenti, ognuno con proprio garage e posto auto esterno scoperto. Uno dei condomini vuole fare la copertura (con una tenda o altro materiale più rigido comunque una struttura fissa) del proprio posto auto perchè possiede 2 macchine. Trovandomi ad essere l'unico condomino ad obbiettare e visto che i posti
auto sono all'interno di un cancello del condominio stesso, dove c'è l'unico pezzo di giardino condominiale, mi sono appellato al fatto che la struttura alterava il decoro architettonico del condominio e che produceva un cambiamento della destinazione d'uso. Quindi ci voleva il 100% della maggioranza!! L'assemblea non ha accettato le mie motivazioni, quindi vorrei sapere da voi se ho ragione e se posso fare ricorso. Vi ringrazio per il vostro interessamento e vi auguro buon lavoro.

Come vanno ripartite le spese (e le decisioni) relative alla manutenzione (rose e ortensie o semplice prato?) delle aiuole circostanti un condominio di 14 numeri civici in linea (14 scale ciascuna con ingresso indipendente) articolato in tre tronconi prospicienti tre diverse vie?

Egregi signori,sono propietario di una villetta a schiera di testa, con ampio giardino,facente parte di un complesso condominiale. Tali immobili sono sprovvisti del classico tetto con i coppi ed hanno un tetto piatto (a terrazza). In assemblea è stato approvato e deliberato di sostituire il tetto esistente con un tetto classico con i coppi. Ora siamo in procinto di iniziare i lavori di rifacimento (creazione) del tetto che risulta di propietà comune. Nell'ultima assemblea la maggioranza ha deciso che le spese inerenti tale intervento verranno suddivise in millesimi di propietà (compresi quelli di giardino e di box). Sul verbale dell'assemblea ho però fatto precisare che mi riservavo di verificare se tale metodo di ripartizione delle spese fosse corretto. Infatti, avendo molto giardino, la quota a mio carico del costo di tale opera è risultata molto elevata e sproporzionata rispetto alla metratura effettiva del tetto della mia porzione di immobile (tetto che copre solo la mia porzione di immobile). Vorrei gentilmente un vostro parere legale per sapere se, in questo caso specifico, ha ragione la maggioranza per la sudivisione delle spese in millesimi di propietà (compresi quelli di giardino e di box, non coperti dal letto) o se posso in qualche modo far valere le mie ragioni (con riferimenti a leggi, sentenze, ecc.) proponendo la ripartizione delle spese sui metri quadri effettivi di ogni porzione di immobile, oppure sui millesimi della sola unità immobiliare (con esclusione del giardino e del box). Sul mio rogito i millesimi sono divisi per abitazione, box e giardino. Il regolamento condominiale non riporta alcuna divisione in millesimi, mentre le spese ordinarie hanno solo i millesimi generali (abitazione + box + giardino).

Salve, sto acquistando un appartamento in un nuovo fabbricato, al di la del fatto che 5mesi fà il costruttore venditore ha designato un amministratore di sua fiducia mai votato in assemblea vorrei sapere: Il costruttore o l'amministratore può imporre il regolamento di condominio di tipo contrattuale? Quali tutele possiamo attuare noi condomini che abbiamo già espresso parere contrario nelle tre assemblee fin qui convocate? Quale valore hanno queste assemblee se il Condominio ancora non esiste in quanto non sono ancora state eseguiti i rogiti e quindi non siamo proprietari? Corrisponde a realtà il fatto che le tabelle millesimali sono obbligatorie per la stesura del contratto di vendita? Ovvero non si puo' procedere alla vendita degli appartamenti se esse non sono approvate?

Nel caso in cui un condomino si rifiuti di pagare alcune spese già approvate dall'Assemblea, qual'è la procedura da seguire? Il recupero del credito comporta delle spese per il Condominio? L'iniziativa necessita dell'approvazione dell'Assemblea?

I proprietari di box sottostanti uno stabile e posti sotto il livello stradale sono esonerati dalle spese per ripulitura e rifacimento della facciata?

Nel caso non venga raggiunto il quorum necessario a formare l'assemblea o a deliberare e l'Amministratore sia costretto a riconvocare la stessa dopo un periodo non inferiore a 10 gg. come previsto dal c.c., può in questa occasione fissare una terza convocazione dove si deliberi qualunque sia il numero dei presenti? Esiste questa possibilità? In caso contrario come posso comportarmi qualora non si riesca mai a raggiungere il quorum richiesto ed i lavori da eseguire o gli argomenti all'O. del G. sono sì importanti ma non urgenti per la vita del condominio stesso almeno per il momento?

In riferimento ad un condominio di cui sono amministratore mi trovo in questa situazione:
ho convocato la prima assemblea con la presentazione del preventivo per l'elaborazione delle tabelle millesimali che non mi è stato approvato, non ho quindi dato corso all'elaborazione delle stesse, il problema che ho attualmente è che ho diviso le spese condominiali in parti uguali salvo conguaglio a fine gestione una volta approvate le tabelle, nel condominio c'è un locale esterno rispetto alle scale condominiali a cui dovrebbero competere solo per il momento le spese di amministrazione, il proprietario del locale non sta pagando e visto che non ci sono le tabelle approvate non posso chiedergli i soldi legalmente (giusto?) se io devo far misurare il locale per far elaborare le tabelle millesimali penso che non sarà consentito l'accesso, come posso fare in questi casi?

In riferimento ad un condominio di cui sono amministratore, nel momento in cui ho presentato il bilancio preventivo ho ripartito anche un debito riferito a consumi idrici per £ 45.000.000 degli anni 1992, 1993, 1994, 1995, 1996, 1997, 1998, parte di questo debito per £ 20.000.000 si riferiva ad una perdita causata da un tubo rotto posto all'interno del cortile condominiale come punto di riferimento visto che i contatori a defalco erano manomessi e quasi tutti inservibili per una lettura, ho operato ripartendo i 20.000.000 circa in parti uguali (causati dal tubo rotto) ed il restante per millesimi. L'assemblea ha approvato la ripartizione chiedendomi di escludere dalla stessa i lastrici solari con 678,45 millesimi, la Sra Recupito si è riservata il diritto di fornire all'Amministratore copia dell'atto di acquisto della casa da cui risalire all'effettivo debito. Mi è stata spedita copia dell'atto da cui risulta che la Sra in questione è proprietaria dell'immobile dal 22/12/1995, a fronte di questo non sta pagando le quote richieste e mi ha chiesto di ricalcolarlo. Posso chiedere al precedente proprietario la quota antecedente al 1995 con semplice raccomandata? Come ci si comporta in questi casi?

E' legittimo il rifiuto di alcuni dei condomini?
Stante al C.C. gli stessi non sono tenuti al pagamento, riservandosi poi eventuale causa di merito per il recupero di quanto pagato nei confronti dei diretti responsabili?
Nel caso l'assemblea determini il pagamento a carico dei soli "responsabili" la delibera deve essere adottata con 1000/1000, nessuno escluso di voti favorevoli?
Vi possono essere delle responsabilità del progettista, del D.L., o dell'esecutore delle opere o addirittura dell'idraulico che ha provveduto alla posa delle tubazioni, come qualcuno sostiene?
La spesa va divisa per i mm di proprietà o di riscaldamento?

Se in un condominio si rompe il tubo dell'acqua principale che porta l'acqua solo a 5 appartamenti su 10 del condominio, la spesa per la riparazione si ripartisce in base alla tabella generale considerando solo gli appartamenti serviti o si considerano tutti?

I negozi di un condominio sono stati venduti, ed il nuovo proprietario vuole destinare i locali ad uso ATTIVITA' ONORANZE FUNEBRI.
Il locale verrà modificato parte ad uso abitativo e parte come magazzino ed ufficio dell'attività. Per fare tutto ciò il proprietario dovrà apportare alcune modifiche anche alle parti comuni che muteranno l'esterno del fabbricato. Poichè il regolamento condominiale nell'uso dei locali al piano terreno non vieta l'esercizio dell'attività suddetta nel caso alcuni proprietari volessero opporsi alle modifiche e soprattutto all'apertura di quell'attività, in che termini potrebbero rigettare le richieste?
Inoltre possono apportare una modifica al regolamento condominiale vigente per inserire l'esclusione di tale attività. L'acquirente dei negozi prima dell'acquisto si è fatto consegnare dal proprietario venditore copia del citato regolamento.

In un condominio c'è un inquilino che disturba dopo le 23.00 tutto il condominio con rumori causati da televisore ad alto volume e spostamento di mobili. Il tutto perché nutre sentimenti di vendetta nei confronti di un condomino che, a parere del detto inquilino, sta provocando molestie della stessa natura nei suoi confronti.
Che tipo d'intervento può adottare l'amministratore? Quali sono gli eventuali provvedimenti che può prendere un privato in una situazione che gli impedisce il riposo notturno?

In un condominio da noi amministrato, un inquilino ha preso nel corso del 1999 in affitto un garage, dove era già presente il cartello rilasciato dal Comune per i passi carrai; orbene all'atto di pagare la tassa per l'anno in questione, si è sentito rispondere che se voleva l'autorizzazione, doveva pagare lui anche gli arretrati che il proprietario non aveva pagato per gli anni precedenti, anche se lui era subentrato solo nel '99.
Mi chiedo ora se è legittima questa richiesta o si tratta di un escamotage della concessionaria del Comune per recuperare le somme arretrate, se è così è legittimo tutto ciò?

Devo sostituire sia l'argano che il motore oramai obsoleti in un ascensore, in un ns. condominio, quale tabella devo applicare trattandosi di manutenzione straordinaria e quindi con la partecipazione se non erro dei proprietari dei piani terra?

I lavori straordinari in genere dell'ascensore, qualora ci fossero dei condomini al piano terra esclusi dal pagamento delle quote ordinarie dell'ascensore, si ripartiscono con la tabella dei millesimi generali o con quella dei millesimi dell'ascensore (escludendo quindi il piano terra)? I lavori di adeguamento dell'ascensore in base alla 46/90 con quale tabella si ripartiscono come da caso menzionato?
I lavori straordinari della caldaia in genere si ripartiscono in base alla tabella del riscaldamento dove si ripartisce il consumo del gasolio o con la tabella di proprietà generali? Nel caso di adeguamento in base alla 46/90?
Qualora nella tabella generale ci siano dei locali che non usufruiscono dell'impianto di riscaldamento che tabella si utilizza?